Ultima modifica: 17 marzo 2013
I.P.S. Velso Mucci > Storia dell’istituto

Storia dell’istituto

L’Istituto di Istruzione Superiore “Velso Mucci” di Bra nasce come Istituto Professionale per i Servizi Commerciali autonomo il 10 settembre 1984.

Per rispondere meglio alle emergenti esigenze del settore terziario che si sviluppa anche localmente, vengono subito promossi, attraverso la sperimentazione didattica, nuovi corsi di studio in grado di coniugare le esigenze culturali di base con quelle professionali. Per preparare i giovani non solamente alle tecniche della programmazione informatica, ma anche ad un uso consapevole del computer, viene avviato così il corso di qualifica di “operatore di elaborazione dati” ed il biennio post qualifica di “analista contabile ad indirizzo informatico-gestionale”.

Nell’anno scolastico 1988/89 l’Istituto aderisce alla sperimentazione denominata Progetto ‘92 che anticipa, nella sua fisionomia, la riforma della scuola secondaria superiore, poi approvata dal Parlamento, ed attiva gli indirizzi di studio economico-aziendale e turistico.

Nel 1994 l’Istituto assume il nome del poeta-letterato Velso Mucci.
Nel 1996 promuove, con altri undici Istituti professionali della provincia di Cuneo, una “rete di scuole” denominata “Ulisse”.
A partire dall’anno scolastico 1995/96 avvia un nuovo indirizzo nel settore della Grafica Pubblicitaria e nell’anno scolastico 1999/2000 prende avvio l’indirizzo Alberghiero e della Ristorazione.

Nell’anno scolastico 2001/02 l’aumento del numero di iscritti rende insufficiente la sede di via Craveri: le classi dei corsi aziendale e turistico vengono così accolte in via Serra 9, presso i locali della ex scuola media Craveri.

Nel gennaio del 2001, nell’ambito dell’area di integrazione con il territorio, viene aperto al pubblico, al mercoledì in orario serale, il ristorante-didattico “Velso Mucci”.

Dall’anno scolastico 2002/2003, nell’ambito del progetto di sviluppo dell’area di specializzazione delle classi quarte e quinte dell’indirizzo alberghiero, oltre al mercoledì il ristorante didattico “Velso Mucci” viene aperto anche al venerdì sera con le “cene d’autore”.

Nel maggio 2003 l’Istituto ha conseguito, in seguito a verifica ispettiva sui parametri fissati dalla Regione Piemonte, l’accreditamento ai sensi della legge del 24 giugno 1997 n. 196. Con tale certificazione la scuola si pone come azienda autorizzata ad erogare interventi di formazione-orientamento finanziati con risorse pubbliche. Nell’anno scolastico 2003/2004 ha conseguito la certificazione ISO.

 

Storia dell’edificio

L’Istituto di Istruzione Superiore “Velso Mucci” occupa i locali che un tempo ospitavano il Seminario arcivescovile.
Ripercorriamo la storia dell’edificio dalla sua costruzione ai giorni nostri.

Il Seminario fu fondato nel 1775 dall’abate Rambaudi che voleva provvedere all’educazione dei ragazzi in e trovò la sua collocazione in una casa di sua proprietà, opportunamente adattata, situata in via Craveri. Dopo la sua morte il Seminario restò chiuso per parecchi anni. Fu riaperto nel 1807, ma riprese a funzionare regolarmente come scuola e come collegio solo a partire dal 1818. In quel periodo furono avviati lavori di ristrutturazione e di ampliamento che si completarono nel 1834.
Nel 1860 i suoi locali vennero richiesti dal Governo che vi alloggiò un contingente di soldati napoletani prigionieri. Nel 1873, su progetto del conte Carlo Reviglio della Veneria, veniva costruito un nuovo lato. Il fabbricato risultava così composto “da tre lunghe gallerie aperte a volta, un refettorio, una sala di ricreazione, cinque classi, sei dormitori, il tutto in mezzo a due cortili…”. Su una parete del primo cortile venne dipinta una bella immagine della Madonna, la stessa che si può ammirare ancora oggi. Nel 1880 si costruiva un altro lato, a est del nuovo ed in linea parallela all’antico, così il Seminario poteva ospitare circa duecento alunni.

Tra il 1904 e il 1907 venne ampliata ed abbellita la cappella, di cui oggi si possono ancora ammirare la pregiata vetrata liberty di XXX ed alcuni affreschi.

Dal 1926, in seguito alla diminuzione delle vocazioni, gli alunni che aspiravano al sacerdozio furono raccolti nel seminario di Giaveno e questo di Bra diventò un Convitto per studenti esterni. Con tale compito continuò a funzionare fino al 1970, anno in cui anche il Convitto fu chiuso. Nel 1971 i locali furono comprati dal Comune di Bra, che, dopo i necessari lavori di ristrutturazione, li destinò al Liceo scientifico e classico e all’Istituto professionale.
Nell’anno scolastico 1993/94 i Licei vennero trasferiti in nuove sedi e l’Istituto Professionale lo occupò interamente. Tra il 1995 ed il 2013 sono state effettuate numerose ristrutturazioni interne per adattare i locali alle esigenze didattiche dell’istituto.

Oggi la scuola, intitolata a Velso Mucci, dispone di sei laboratori di informatica, di un laboratorio linguistico interattivo, di un laboratorio fotografico, di due aule magne che possono essere trasformate in sala per rappresentazioni teatrali o musicali, di una palestra interna, di una biblioteca, di due laboratori di cucina, di due sale ristorante e di due snack-bar gestiti dagli alunni del corso Alberghiero, di un moderno laboratorio di accoglienza turistica e di un laboratorio di pasticceria.

Alcune aule sono attrezzate con le LIM (Lavagne Interattive Multimediali).